Dimagrire con il Power walking | PesoPharm
Home / Esercizi per Dimagrire / Dimagrire con il Power walking

Dimagrire con il Power walking

Il Camminare nella Storia: Brevi accenni

Camminare. Spesso non si pensa a questa cosa ma un tempo l’essere umano camminava a quattro zampe, poi si elevò iniziando a camminare su due piedi e percorrendo comunque lunghi tratti per riuscire a procacciarsi il cibo.
Un tempo camminare era certamente più facile, lo si faceva maggiormente, oggi spesso le persone fanno vite sedentarie, molto più sedentarie che in passato, infatti neanche molti anni fa si andava nei campi, si seminava e raccoglieva, si camminava per sistemare i viveri, per farli essiccare e camminando si passava da una zona ad un altra, non occorre andare indietro di migliaia di anni per rendersi conto che la sedentarietà ha preso il posto del camminare con costanza.

Allenamento tramite la Camminata

Occorre quindi focalizzare l’attenzione su questa attività tanto naturale, quanto salutare per il benessere del corpo.
Il metodo che quindi oggi prendiamo in considerazione è quello del Walking.

Camminare o fare Walking non significa correre o fare jogging, ma al contrario si tratta di effettuare una camminata che differisce dalla classica camminata data dalla velocità di esecuzione e per ciò che riguarda lo sforzo richiesto.

In pratica il walking è si una camminata, ma non è una corsa, semplicemente si deve parlare di “potenziamento del cammino percorso grazie ai pesi” ebbene si, eccola la differenza con altre tipologie di allenamento e di movimenti, a questa camminata si aggiungono dei piccoli pesi che vanno o tenuti in mano oppure legati alle caviglie, alternativamente si può camminare invece su superfici differenti dal solito asfalto, come ad esempio la sabbia, magari con ritmi sostenuti.

Correre con Manubri e/o cavigliere

L’impiego piccoli manubri o cavigliere è utile a sollecitare maggiormente i muscoli degli arti superiori, inferiori e del busto, quindi aiuta nello sforzo sul metabolismo, e quindi nel dimagrimento potenziale che da questo sforzo si potrà ottenere.
Camminare ha diversi benefici, tra i quali occorre citare:

  • Il miglioramento della funzionalità del sistema cardiocircolatorio
  • L’andare a tonificare la muscolatura.
  • Un consumo di Kcal che oscilla tra le 300 alle 400
  • Un miglioramento significativo dell’umore e dell’autostima

Il Modulo di allenamento

Nel modulo di allenamento ad un certo punto generalmente dopo il 12° giorno, iniziano ad essere impiegati con frequenza alta, anche degli attrezzi ginnici quali:

  • Pesi
  • Elastici

e questi sono intervallati dal walking vero e proprio, lo scopo è quello di tonificare e di accelerare i processi del corpo che tenderà così a sviluppare un maggiore dimagrimento.
La cosa divertente di questo allenamento, è che si può effettuare ovunque e in qualsiasi momento. Non occorrono grandi attrezzi se non:

  • Un valido paio di scarpe da tennis
  • Due pesi piccoli da 1 kg
  • Eventualmente degli elastici (elastibend) ma se ad esempio vi trovate in un parco pubblico questi attrezzi sono facilmente impiegabili e utilizzabili
  • Un cardiofrequenzimetro solo se intendete essere precisi e ligi al massimo

Un buon circuito in Power Walking prevede di allenare masse muscolari specifiche, situate in distretti lontani uno dall’altro. Questo metodo è anche definito con il nome di Top Down Top, si tratta di una metodologia eccellente perché ,oltre a tonificare, allena il sistema cardiocircolatorio.

Il tempo di esecuzione è di circa un ora, ma si parla di chi è ancora principiante, i giorni nel quale deve essere eseguito sono almeno 3 su 7 per essere considerato valido sia sul piano fisico che psicologico, meglio se i giorni sono alternati, ad esempio:

  • Lunedì
  • Mercoledì
  • Venerdì

O all’inverso partendo dal martedì etc….
Inoltre questa attività oltre che fare bene e donare maggiore tonicità alle persone che la praticano, si svolge all’esterno, e i benefici dello stare all’aperto in aree non inquinate, sono note a tutti.

Occorre partire con un riscaldamento iniziale, e un successivo defaticamento che sarà la fase finale dell’allenamento, e che avrà una durata di circa cinque minuti di walking a basso ritmo, immancabile poi è lo stretching, questo riguarderà le zone che ne hanno maggiore bisogno.

Check Also

Perdere peso con i Kettlebell

Successivamente all’uscita del libro Kettlebell Manual l’autore ha ricevuto un numero importante di mail di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *